GastroenterologiaNews.net


News

Cancro del colon e del retto: peggiore qualità di vita tra i sopravvissuti trattati con Eloxatin

Uno studio ha valutato in dettaglio la prevalenza e la gravità della neuropatia indotta da chemioterapia e la sua influenza sulla qualità di vita correlata alla salute in un campione di popolazione di sopravvissuti a carcinoma colorettale da 2 a 11 anni dopo la diagnosi.

Tutti gli individui vivi con diagnosi di tumore del colon e del retto tra il 2000 e il 2009 registrati dal Dutch population-based Eindhoven Cancer Registry sono risultati eleggibili per lo studio.

In totale, l’83% ( n=1643 ) dei pazienti ha completato il questionario European Organisation for Research and Treatment of Cancer ( EORTC ) Quality of Life Questionnaire ( QLQ ) C30 e quello EORTC QLQ Chemotherapy-Induced Peripheral Neuropathy 20.

I 5 sintomi legati alla sottoscala della neuropatia che sono risultati più fastidiosi per i pazienti con cancro colorettale nell’ultima settimana sono stati problemi erettili ( 42% degli uomini ), problemi di udito ( 11% ), problemi nell’aprire barattoli o bottiglie ( 11% ), formicolio alle dita dei piedi /piedi ( 10% ) e problemi a fare le scale o ad alzarsi ( 9% ).

Inoltre, i pazienti che avevano ricevuto Oxaliplatino ( Eloxatin ) sono andati incontro più spesso a formicolio ( 29% vs 8%; P=0.001 ), addormentamento (17% vs 5%; P = 0.005) e dolore intenso o urente ( 13% vs 6%; P=0.03) alle dita/piedi rispetto a quelli non-sottoposti a chemioterapia.

Gli stessi pazienti hanno inoltre riportato più spesso formicolio alle dita/piedi ( 29% vs 14%; P=0.0127 ) rispetto a quelli trattati con chemioterapia senza Oxaliplatino.

I pazienti con molti sintomi di neuropatia ( superiori al 10% ) hanno riportato punteggi di qualità di vita peggiori statisticamente significativi e clinicamente rilevanti in tutte le sottoscale EORTC QLQ-C30 ( tutti i P inferiori a 0.01 ).

In conclusione, 2-11 anni dopo la diagnosi di carcinoma del colon e del retto, sono stati ancora riscontrati sintomi legati alla neuropatia, soprattutto sintomi sensoriali alle estremità basse nei pazienti trattati con Oxaliplatino.
Poiché i sintomi di neuropatia hanno un’influenza negativa sulla qualità di vita legata alla salute, dovrebbero essere presi in esame e alleviati. ( Xagena News )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2013